Il Trauma Psichico

guernica
Guernica, Pablo Picasso, 1933.

Chi ha subito un trauma sa bene che cosa sia il disturbo traumatico: prova ansia, insonnia, sogni ricorrenti e un tentativo più o meno cosciente e costante di evitare situazioni che ricordino in qualche modo l’evento terribile. Questa costellazione di emozioni e comportamenti entro qualche tempo rientra e viene superata ma questo non accade sempre, perché il trauma può non venire elaborato e rimanere in qualche modo attivo e nascosto nella nostra mente. A questo punto è possibile che si installi il PTSD, ossia il disturbo post traumatico da stress. Tuttavia, se ci sono situazioni traumatiche delle quali siamo ben consapevoli, altre invece, remote o minori, restano nascoste e non raggiungono la nostra consapevolezza. Prima di vedere che cosa sia Il cosiddetto PTSD, vi presento una definizione  di trauma che può spiegare e rendere conto di tutto questo.

Che cos’è il trauma

Anche se generalmente si considera un evento traumatico qualcosa di estremo e forte e che mette a repentaglio la vita e la incolumità di una persona, come incidenti, aggressioni, stupri e catastrofi, negli ultimi anni il concetto di trauma psichico è stato riconsiderato e rivisto.
Oramai è accettata la distinzione tra trauma maggiore (T) e trauma minore (t): nel primo caso (T), si intende il trauma nel senso classico, ossia tutti quegli eventi che mettono seriamente a rischio la vita o l’integrità fisica, dunque omicidi, aggressioni, gravi incidenti stradali, terremoti, attentati terroristici, guerre, catastrofi naturali.  Con  trauma (t), invece, ci si riferisce a tutti quegli eventi che nella vita di un individuo, specificamente  nell’infanzia, possono rappresentare piccoli traumi a tutti gli effetti, ossia: piccole umiliazioni; ferite narcisistiche; fallimenti; mancanza di attenzione o di tatto da parte degli adulti. Tali  esperienze restano come non-elaborate e incistate nella storia di una persona, in modo tale da influenzare, del tutto inconsapevolmente, la vita e lo sviluppo della persona stessa.

Ci sono numerose situazioni che posso risultare traumatiche per l’essere umano ma per alcuni gli stessi eventi lo sono, per altri no. I motivi per cui alcune persone reagiscono con sintomatologia traumatica a una certa situazione che poco o nulla turberebbe un’altra, restano ancora largamente sconosciuti. E non è ben chiaro nemmeno perché situazioni shoccanti possano avere un impatto lieve o nullo nella vita di una determinata persona, la quale, comunque,  può reagire in una forma emotivamente esagerata di fronte a un evento apparentemente poco importante.

Inoltre, succede che molte persone non si rendano conto che un certo modo in cui hanno reagito ad un evento, sul piano emotivo sia collegato ad un certo avvenimento, perché spesso le reazioni emozionali e anche fisiche sono graduali e sottili e possono avvenire molto dopo l’evento traumatico scatenante, in certi casi anche dopo anni.
Non dà meraviglia, poi, che molti di coloro che soffrono del disturbo post traumatico di stress, lo ignorino e che e si sorprendano quando si rendono conto di ciò che sta all’origine del modo in cui hanno vissuto, pensato e di come si sono comportati nel corso del tempo.

Nel prossimo articolo ci occuperemo del Distubo Post Traumatico da Stress (PTSD).

Commenti, suggerimenti o critiche sono sempre ben accetti! I commenti con un linguaggio non rispettoso non saranno pubblicati. Grazie.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: